Vernaleone Renato

Vernaleone Renato

 

 

55 anni, padre di due belle figlie ormai adulte, consulente finanziario, bilancia. Risiede a Lecce dalla nascita. Da bambino sognava di fare il chirurgo, Barnard era un semidio, oppure il benzinaio, col portafoglio gonfio di banconote. Questa dicotomia tra sogno e realtà non l’ha più abbandonato. Tifoso milanista, colto negli anni settanta da un’infatuazione per l’Olanda di Cruyff.

Frequenta il Liceo Scientifico De Giorgi, dove si diploma nel 1980. Primo voto nel 1981, per i referendum promossi dai Radicali. Poi vota il PCI di Berlinguer, fino alla svolta della Bolognina. Si sposa molto giovane, interrompendo i suoi studi universitari per guadagnarsi da vivere. Ha lavorato nella pubblicità, poi stabilmente nei servizi bancari e finanziari. Sport giovanili praticati pallavolo e vela, anche a livello agonistico. Oggi si accontenta di una partitella di calcio al sabato e della MotoGP in TV.

Ama il mare in maniera viscerale, le allegre compagnie, il suo fedelissimo cane e la buona musica, soprattutto classica e funky.

Scopre la politica attiva nel 2010, è tra i promotori della Fabbrica di Nichi, poi segretario provinciale di SEL per un paio d’anni. E’ attivista di Lecce Bene Comune dalla sua costituzione.

[space height=”150″ ]

 

Articoli correlati: