per una Città

la nostra Lecce »»

Pubblica

per riacquistare il senso di comunità di persone in cui prevalga l‘interesse di tutti »»

Partecipa

scopri come puoi aiutarci »»

 

CONFERENZA STAMPA

Il coordinamento di “Lecce Bene Comune” indice una conferenza stampa per martedì 28/06, ore 10:50, presso “Enogastronomia Povero”, per presentare agli organi di informazione l’ultima iniziativa dell’associazione, l'”Università di spiaggia”.
La circostanza rappresenterà inoltre l’occasione per un bilancio dell’anno sociale che si avvia a conclusione e per ulteriori comunicazioni su temi di importante attualità.

per LECCE BENE COMUNE
L.R.

Link utili:
https://www.facebook.com/events/1304740032887840/

UNIVERSITA’ DI SPIAGGIA

Grazie alla collaborazione del Lido “ultimaspiaggia” delle Cesine, l’Università di strada si trasferisce al mare!

Dal 30/06 al 20/07 quattro nuovi incontri, dopo l’ultimo bagno e prima di cena. Ad ogni incontro saranno abbinate playlist musicali selezionate dagli oratori.

Questo il programma

GIOVEDI’ 30/06
“Mezzi di trasporto da verificare”
con Stefano Cristante, Elisabetta Liguori e Livio Romano

MERCOLEDI’ 06/07
“Vamos a la playa: filosofie dei tormentoni estivi”
con Osvaldo Piliego, Maria Vittoria Dell’Anna, Daniela Castaldo e Massimo Melillo

MERCOLEDI’ 13/07
“Andrea Pazienza avrebbe 60 anni”
con Mimmo Pesare, Luca Bandirali e Stefano Cristante

MERCOLEDI’ 20/07
“Revolver dei Beatles compie 50 anni”
con Daniele De Luca, Cesare Liaci, Gianfranco Salvatore e Luca Bandirali

universitainspiaggia

Seguici su:
https://www.facebook.com/events/1304740032887840/

 

AMMINISTRATIVE 2017 | L’orizzonte di “Lecce Bene Comune”

Nei giorni scorsi, un articolo pubblicato da “La Gazzetta del Mezzogiorno” ha dato il via al dibattito sulle amministrative 2017.
E lasciando intravedere un impegno di “Lecce Bene Comune” a organizzare uno schieramento elettorale di sinistra, ha ipotizzato l’impegno di un paio di personalità autorevoli e interne alla nostra stessa associazione (Fabio de Nardis e Guglielmo Forges Davanzati) nel ruolo di candidato Sindaco.
Lo stato delle cose tuttavia, non è ancora quello che ci vede concentrati sulla scelta di un candidato, quanto semmai quello della costruzione di una piattaforma condivisa, nella quale possano riconoscersi culture e pratiche diverse.
Di seguito riportiamo il nostro intervento di precisazione e, in coda, l’articolo che ha dato origine al dibattito.


Non c’è incertezza alcuna.

Per quello che sono diventate – il luogo dello scempio della democrazia – le primarie non potrebbero riguardarci.

Ma non ci riguardano né ci interessano prima ancora le grandi aggregazioni attorno ad un nome – buono per tutte le stagioni – che sanno di “larghe intese” tra forze che si vorrebbero invece contrapposte.

Ci sta a cuore piuttosto una proposta di trasformazione, fatta a viso aperto alla città tutta e insieme ad essa.

E, se sarà maturo il tempo per stringere un rapporto fiduciario con gli elettori, portarla ad esprimersi a Palazzo Carafa, preferibilmente dai banchi di governo.

Non è tempo di alchimie, ma di schiettezza. Quella stessa che altrove e a vari livelli è in grado di rompere schemi, offrire nuovi orizzonti e intercettare il bisogno diffuso di cambiamento.

La sinistra ha filo da tessere. E fretta di lasciarsi alle spalle un lungo periodo di governo raffazzonato, clientelare e privo di rotta, che blocca, da vent’anni almeno, la crescita della città. Altri vorrebbero forse perpetrare questa lenta agonia, lavorando ad una sostituzione nominale.

Noi vorremmo spazzare via ciò che inesorabile non è e lavorare ad una rigenerazione della città entro un’idea precisa di società.

Che aborrisca le diseguaglianze innanzitutto, dando risposte istituzionali a bisogni che ancora oggi trovano riparo soltanto nella dimensione caritatevole di altre agenzie.

Che tenda al miglioramento della qualità della vita, attraverso l’erogazione di servizi ancora qualitativamente fermi al secolo scorso.

Che perlustri o favorisca nuovi orizzonti per l’economia del territorio, ancora ferma – se così si può dire – ad una “economia del barocco”.

Ma per far questo non c’è bisogno di continuare a indugiare nell’involuzione politica del personalismo che noi di “Lecce Bene Comune” abbiamo peraltro sperimentato in casa, con esito deprimente.

Più di un salvatore che ci dichiari amore incondizionato, abbiamo infatti bisogno di una città che prenda consapevolezza delle proprie capacità che la rendono una delle realtà più vivaci della provincia italiana. Che cioè una larga parte di essa assuma la responsabilità di un balzo in avanti dalla dimensione pre-politica a quella politica e concorra alla formazione di corpi intermedi limpidi, motivati e capaci di un’importante offensiva politico-culturale.

Anche per questo per “Lecce Bene Comune” è prematuro soffermarsi sull’individuazione del candidato o della candidata alla carica di Sindaco.

E i nomi fatti dalle pagine importanti di questo giornale (Fabio de Nardis e Guglielmo Forges Davanzati), per quanto autorevoli e interni a “Lecce Bene Comune” stessa, non possono ancora rappresentare la risposta al bisogno giornalistico di queste ore di sintetizzare in un singolo nome un intero progetto elettorale, restando la costruzione del progetto politico la priorità su cui la nostra associazione sta assiduamente lavorando da mesi.

per LECCE BENE COMUNE
L.R.

2016_06_24_Amministrative

“La Gazzetta di Lecce” | 25/06/2106

2016_06_24_Amministrative (2)“La Gazzetta di Lecce” | 23/06/2016

Carmelo Bene Comune

La Commissione “Toponomastica”, nella seduta di ieri 24/06, ha espresso un primo parere favorevole all’istanza di nuova intitolazione, proposta da “Lecce Bene Comune” per il piazzale antistante il Teatro Apollo.

Un ulteriore passo avanti è fatto!

Attendiamo i prossimi giorni perché questa il cambio di denominazione diventi definitivamente realtà.

2016_06_24_Carmelo_Bene

Nuovo Quotidiano di Puglia | 25/06/2016

984x611 - Copia - Copia

14/06/2016
BRASILE

Aula 2 (Officine culturali Ergot) | ore 18.30
(Google Maps 40.353894, 18.168256)
«CRIMINE E FAVELAS»
di Luigi Spera

Aula 2 (Officine culturali Ergot) | ore 19.30
(Google Maps 40.353894, 18.168256)
«COSA SUCCEDE ALLA POLITICA BRASILIANA»
di Maria Eugenia Verdaguer (Università del Salento)

www.facebook.com/events/270829316600900/


18/06/2016
CARMELO BENE

Aula 6 (piazzetta Officine Cantelmo) | ore 19.30
(Google Maps 40.357867, 18.173198)
«LA BIBLIOTECA ‘IMPOSSIBILE’ DI CARMELO BENE»
a cura di Simone Giorgino e Simone Franco

www.facebook.com/events/293265127683673/