per una Città

la nostra Lecce »»

Pubblica

per riacquistare il senso di comunità di persone in cui prevalga l‘interesse di tutti »»

Partecipa

scopri come puoi aiutarci »»

 

“EMERGENZA NEVE” | Richiesta di intervento per i “senza fissa dimora”

15894451_10211667522872446_4115460043806176910_n

(foto di Renato Vernaleone)

LECCE | “EMERGENZA NEVE” | Richiesta di intervento per i “senza fissa dimora”

Al Comune di Lecce | Servizio di Protezione Civile
c.a. Sindaco, dott. Paolo PERRONE
via PEC (ore 01:20 – 08/07/2017)

Alla Prefettura – UTG di Lecce | Centro Coordinamento Soccorsi
c.a. Prefetto, dott. Claudio PALOMBA
via PEC (ore 01:20 – 08/07/2017)

La presente in qualità di presidente dell’associazione politica “Lecce Bene Comune” che per la vigente consiliatura ha eletto due consiglieri comunali a palazzo di città e per chiedere alle SS.LL. – per quanto di rispettiva competenza, in queste ore di “Emergenza neve” – di favorire l’apertura di uno stabile pubblico o la requisizione di uno privato che assicuri urgente e adeguato riparo alle non poche persone “senza fissa dimora” o in condizioni di estrema povertà presenti in città.

Tanto al fine di scongiurare maggiori pericoli per l’incolumità delle stesse per la durata dell’emergenza, atteso il già insopportabile numero di decessi registrato negli ultimi due anni tra i “senza tetto” del comune capoluogo.

Con i più cordiali saluti dell’associazione tutta,

per LECCE BENE COMUNE
L.R.

LECCE | AMMINISTRATIVE 2017

 

f_banner_ms

Il percorso che “Lecce Bene Comune” ha avviato lo scorso ottobre in vista delle amministrative del 2017, giunge alla sua terza tappa.

Dopo un periodo dedicato al Referendum costituzionale e alle ragioni del NO, si torna a parlare di città e territorio, affrontando i temi di natura economica.

Lo faremo con l’aiuto del prof, Guglielmo Forges Davanzati, docente di Economia politica dell’Università del Salento, e della dott.sa Virginia Meo, di “Laboratorio Beth”.

Con il primo affronteremo gli effetti della crisi sull’economia salentina, sui lavoratori e le loro famiglie, a fronte della sostanziale assenza di interventi da parte dell’Amministrazione uscente (Perrone).

Con la dott.ssa Meo, partendo dalle storie di alcuni protagonisti dell’economia solidale, del territorio e non solo, offriremo una prospettiva opposta allo scenario disgregante della crisi, quello di un’altra economia, capace di ricostruire reti e comunità e guardare al presente e al futuro, nonostante la crisi stessa.

Lo faremo domani, 20 dicembre, a partire dalle 17:30, nei locali di prossima inaugurazione della “Macelleria sociale” di via Siracusa 110.

Un percorso trasparente, estraneo alle lotte di successione del centrodestra o di posizionamento dell’area democrat.

Dedicato esclusivamente alla costruzione di un orizzonte nuovo, finalmente adeguato ai bisogni e alle capacità della città. Concentrato sulla costruzione di una proposta di cambiamento trasparente, pulita e condivisa con la città.

Vi aspettiamo!

*******************

CITTA’ PRECARIA O SOLIDALE?
martedì 20 dicembre 2016 | ore 17:30
“Macelleria sociale” | via Siracusa 110, LECCE

LECCE | AMMINISTRATIVE 2017

d_green_2

State cercando la candidata o il candidato Sindaco per le elezioni del 2017?

Noi sappiamo dove trovarli: al termine del percorso di rilfessione e progettazione che “Lecce Bene Comune” ha avviato lo scorso ottobre in città.

Un percorso trasparente, estraneo alle lotte di successione del centrodestra o di posizionamento delll’area democrat. Dedicato esclusivamente alla costruzione di un orizzonte nuovo, finalmente adeguato ai bisogni e alle capacità della città.

E’ il progetto che conta!

Insieme alla consapevolezza del momento storico, delle urgenze del contesto e dei valori che la comunità può esprimere.

Le politiche liberiste dei governi centrali fanno registrare anche da noi conseguenze importanti in termini di povertà e disuguaglianze o compromettono l’offerta di beni e servizi essenziali, peraltro quasi sempre elargiti come favori dai governi locali.

Il primo bene comune che abbiamo è Lecce stessa. Che fortunatamente ha valori e capacità che prescindono da quelli della sua classe dirigente.

Con la parte più motivata della città, che condivide con noi avversione per le diseguaglianze e fiducia nei talenti del territorio, vogliamo precisare una proposta di governo alternativo, senza più inseguire gli avversari politici sul terreno delle mancanze o degli errori commessi.

Questa sera, dopo un periodo dedicato al Referendum costituzionale e alle ragioni del NO, torniamo sul percorso inaugurato con la presentazione di un “Manifesto per una città giusta”, lo scorso ottobre.

Lo facciamo riflettendo sul tema della città ecologica, con l’aiuto dell’ing. Luisella Guerrieri e dell’arch. Toto Mininanni che introdurranno i lavori con una visione di città rispettosa delle esigenze di vivibilità dei suoi abitanti. Lo faremo nei locali di prossima inaugurazione della “Macelleria sociale” di via Siracusa 110, a partire dalle 18:30.

Una nuova stagione è alle porte. Una nuova visione di società e città chiede di andare al governo.

Voi che fate? Un altro giro sul generatore automatico di candidati Sindaco o venite a partecipare?

*******************

VERSO UNA CITTA’ ECOLOGICA
venerdì 09 dicembre 2016 | ore 18:30
“Macelleria sociale” | via Siracusa 110, LECCE

REFERENDUM COSTITUZIONALE | 4 dicembre 2016

 

#ReferendumCostituzionale #IoVotoNO

È stata una campagna referendaria lunga e defatigante.

All’origine della quale “Lecce Bene Comune” ha inteso favorire la formazione di un fronte democratico unitario, adoperandosi insieme ad altri per la costruzione del “Comitato provinciale per il NO”.

Un pezzo molto importante di strada è stato fatto insieme. All’interno del Comitato, insieme alle altre forze. O all’esterno dello stesso, con le persone incontrate nelle diverse circostanze, tutte organizzate intorno all’obiettivo di questa campagna: la difesa e il rilancio della Costituzione italiana del ’48.

Una costituzione materiale sta premendo per assicurare e cristallizzare in una Costituzione formale uno stato di cose già asservito ai poteri forti. E pretende di imporre una catena di comando e controllo che, dal basso verso l’alto, sposta importanti porzioni di sovranità.

Contenimento dei costi della politica, cambiamento, semplificazione, velocità delle decisioni, sono state le parole d’ordine utilizzate dai promotori della controriforma sulla quale saremo chiamati ad esprimerci domenica.

Parole che, come un cavallo di Troia, nascondono ben altre intenzioni. Tutte funzionali agli interessi del sistema economico mondiale, cioè alla trasformazione di un sistema incentrato sulla sovranità popolare e del Parlamento in un sistema orientato a rimuovere ogni ostacolo residuo alle scorribande dei mercati e garantito dalla presenza di un capo indiscusso.

Della campagna referendaria appena conclusa – e vissuta ad armi impari – o del deposito di energia accumulato insieme ai tanti compagni di questa ultima strada occorrerà fare tesoro non solo nell’urna di domenica prossima ma sul terreno di una riscossa non più rinviabile.

Non è più tempo di giocare di sola rimessa.

Un nuovo corso politico deve partire dall’esperienza appena condivisa in difesa della Costituzione, all’insegna di una prospettiva opposta alle accelerazioni di stampo feudale del neoliberalismo.

Lunedì sapremo quanto arduo sarà questo compito.

Buona domenica e buon voto!

L.R.

REFERENDUM COSTITUZIONALE

 

COSTITUZIONE BENE COMUNE | #IoVotoNO
Iniziativa pubblica di “Lecce Bene Comune”

Domenica 13 novembre 2016
ore 11:00 – 13:00
Open space | piazza S. Oronzo
Lecce

11_banner